Category Archives: Bari

Un milione e mezzo di finanziamento regionale per favorire lo sviluppo del turismo rurale

Obiettivo la progettazione, realizzazione e promozione di pacchetti turistici integrati, che sviluppino il territorio e diano impulso all’economia locale. Scadenza il 29 agosto.

01_icoCronaca/ di Redazione

Bari – La Regione Puglia ha recentemente pubblicato il Bando Misura 16.3.2 del Programma di Sviluppo Rurale che prevede un finanziamento complessivo di un milione e mezzo di euro per il turismo rurale.

Credito alle imprese, penalizzate le piccole

Sebbene rappresentino la maggioranza del tessuto produttivo pugliese

confartigianatoCronaca/ di Confartigianato Puglia

Bari – Diminuiscono ancora i finanziamenti alle aziende. In particolare, nei confronti di quelle di minori dimensioni. Le aziende con meno di 20 addetti, pur rappresentando la stragrande maggioranza del sistema produttivo pugliese, risultano le più penalizzate dagli istituti di credito.

Puglia Letteraria, un archivio sull’universo letterario pugliese

Se ne parlerà mercoledì 10 maggio 2017, ore 11, presso la Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia – Teca del Mediterraneo

PugliaLetteraria2Eventi/  di Ufficio Stampa Puglia Letteraria 

Oltre 80 i marchi editoriali in Puglia che si occupano di letteratura, di cui 46 nati dopo il 2000. Una crescita esponenziale che si allinea con la crescita dei Festival culturali, un fenomeno sviluppatosi negli ultimi vent’anni che vede la Puglia tra le regioni più attive d’Italia: oltre 25 Festival sparsi in tutto il territorio regionale e numerose iniziative di promozione del libro.

Presentazione del progetto “Puglia Letteraria”, un archivio sull’universo letterario pugliese

Mercoledì 10 maggio 2017, ore 11, presso la Sala Matutinum della Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia. 

libroEventi/ di Ufficio Stampa di Puglia Letteraria

Bari – Sarà presentato mercoledì 10 maggio il progetto Puglia Letteraria, un database di pubblico accesso dedicato alle realtà del territorio pugliese che si occupano di produzione, diffusione e promozione della cultura letteraria.

3.000 euro dall’Ebap per neo mamme titolari, socie o coadiuvanti di impresa.

Il contributo è concesso a chi ha concepito un figlio dal 1° gennaio 2015

EbapCronaca/ di Ebap

Un contributo di 3 mila euro a sostegno della maternità. L’Ente bilaterale dell’artigianato pugliese (Ebap) dona tremila euro a favore delle titolari, socie, amministratrici e coadiuvanti di impresa che hanno partorito un figlio dal primo gennaio 2015 in poi.

Approvato dalla G.R. l’ Avviso Pubblico e lo schema di domanda per l’accesso al Reddito di Dignità.

Le domande di ammissione possono essere presentate direttamente o tramite CAF o Comuni a partire dal 26 luglio 2016 per via telematica

regioneCronaca/ di Redazione

Con apposito provvedimento della Giunta Regionale, è stato approvato l’Avviso pubblico per la presentazione delle domande per l’accesso al Reddito di Dignità, nonché lo schema della domanda, il manuale per l’accesso e l’utilizzo della piattaforma telematica unica per la presentazione delle domande, per l’istruttoria delle stesse, per la rendicontazione delle risorse utilizzate. 

il futuro dell’export pugliese verso la Gran Bretagna si tinge di nero

Secondo Coldiretti Puglia la vittoria dei “leave” mettono a repentaglio 93 milioni di esportazioni

OLYMPUS DIGITAL CAMERACronaca/ di Coldiretti Puglia

Futuro a tinte fosche per l’export del settore agroalimentare pugliese verso l’isola britannica, dopo la vittoria dei ‘leave’ al referendum con cui la Gran Bretagna ha deciso di uscire dall’Unione Europea che andrà avanti a 27. “La Puglia rappresenta – spiega il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – circa il 3 percento delle esportazioni complessive italiane in Gran Bretagna. Pertanto, la decisione del popolo britannico che ha decretato

Import grano: è minaccia ai raccolti pugliesi appena iniziati.

Coldiretti Puglia accusa: “oggi 3 navi a Bari con 70.000 tonnellate di prodotto estero” 

campo-di-granoCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Continua inarrestabile l’import di grano dall’estero, anche quando in Puglia sta entrando a pieno regime l’attività di trebbiatura. “Sono 3 le navi all’ormeggio al porto di Bari – rivela Coldiretti Puglia- che stanno scaricando 69.244 tonnellate di prodotto. Il prezzo del grano locale alla borsa merci è sceso in 10 giorni da 24 a 22,5 euro al quintale, a dimostrazione di quanto le flessioni dei prezzi siano strettamente collegate all’invasione di prodotto estero. Come già stiamo facendo con le più grandi industrie del settore siamo pronti a collaborare con tutti coloro che vogliono valorizzare il grano, il territorio e il lavoro della Puglia a sostegno dell’economia locale e della salute dei consumatori”.

Caporalato: nasce in Puglia il Villaggio Solidale contro lo sfruttamento

Coldiretti Puglia plaude all’iniziativa del governatore pugliese Michele Emiliano

ColdirettiCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Declinare l’intesa siglata a livello nazionale sul territorio pugliese con un protocollo stringente, a cui lavorerà un tavolo tecnico sulle singole voci sanità, trasporti, acqua, sicurezza, contratti di lavoro è l’accordo definito oggi, su proposta del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e Coldiretti Puglia plaude ad un programma di lavoro concreto ed effettivamente rispondente alle problematiche denunciate dai lavoratori e dagli stessi imprenditori agricoli.

Danni maltempo: 90 milioni di euro di ciliegie in fumo

Bigarreaux, Georgia e Ferrovia  falcidiate dalle piogge torrenziali e ghiaccio

ciliegieCronaca/ di Coldiretti Puglia

In  fumo 90 milioni di euro di ciliegie da inizio campagna 2016, una delle peggiori che gli agricoltori ricordino, prima per i danni alle varietà Bigarreaux e Georgia, ora alla ‘Ferrovia’, falcidiata da piogge torrenziali e ghiaccio. E’ la stima fatta in campagna dopo le due ondate di maltempo, susseguitesi a distanza di pochi giorni proprio dalla fine di aprile ad oggi, che hanno causato danni ad oltre 23mila tonnellate di ciliegie, invendibili a causa di ‘spacchi’, muffe e ‘cerchietto’. Pesante la situazione nelle stalle, dove il foraggio ammuffito farà lievitare i costi di produzione.

Olio pugliese: sale la qualità cala la vendita

Aumenta il flusso di oli stranieri venduti in Italia

Comitao OlioCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Mercato degli oli pericolosamente in caduta libera da due mesi, con un unico rialzo delle quotazioni alla Borsa merci di Bari dell’extravergine di altissima qualità (acidità inferiore allo 0,4%) che segna un +1,36, portando il prezzo del prodotto a 3,70 euro al chilo. E’ il riverbero della politica del ‘sottocosto’ che stanno vivendo Grecia ed Spagna con i prezzi del prodotto scesi fino a 3 euro al chilo e la stima è di un ulteriore calo.

Latte, dalle stalle allo scaffale il suo prezzo lievita del 345%

Da 0,35 euro, prezzo alla stalla, negli scaffali sale a 1,50 euro.

Lattelatte1latte2Cronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Il prezzo del latte, secondo una stima fornita da Coldiretti Puglia, alla stalla sarebbe crollato del 20% negli ultimi 3 mesi fino a 0,35€ al litro, mentre il costo del latte fresco moltiplica più di quattro volte dalla stalla allo scaffale e oscilla attorno ad € 1,50. All’inizio del regime delle quote latte nel 1984 in Italia il latte veniva pagato in media agli allevatori 0,245 euro al litro – ricorda la Coldiretti – mentre i consumatori lo pagavano 0,40 euro al litro (780 lire), con un ricarico quindi del 63 per cento dalla stalla alla tavola. Nel 2000 agli allevatori il latte veniva pagato 0,32 euro al litro mentre i consumatori lo pagavano un euro al litro, con un aumento del 213 per cento dalla stalla alla tavola. Oggi la forbice si è ulteriormente allargata e il prezzo del latte fresco mostra un ricarico del 355 per cento.

Urgente responsabilizzare tutta la filiera di produttori e lavoratori agricoli contro lo sfruttamento

Un comunicato stampa congiunto Coldiretti Puglia/ Flai C.G.L

verdureBari – Riunione operativa oggi tra Coldiretti Puglia e Flai Cgil Puglia per ribadire in modo pieno il comune impegno alla lotta contro il caporalato e contro qualsiasi fenomeno speculativo ai danni dell’agroalimentare pugliese.

Occorre combattere senza tregua il becero sfruttamento che colpisce spesso la componente più debole dei lavoratori agricoli con pene severe e rigorosi controlli, ma serve una grande azione di responsabilizzazione di tutta la filiera dal campo alla tavola, per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali, ci sia un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore che non sarà possibile fino a quando le arance nei campi continueranno ad essere sottopagate a 7 centesimi al chilo, i finocchi a 3 centesimi, le insalate a 2 e i pomodori a poco più.

Protesta degli imprenditori agricoli pugliesi sotto il palazzo della Regione

Sarà presentato un documento di proposta per il sostegno dei prodotti ortofrutticoli

Regione PugliaCronaca/ di Redazione

Bari – Oggi, 19 aprile 2016, a partire dalle ore 10,30, sotto i portici della Regione (via Giuseppe Capruzzi 212), flash mob ‘SOS Ortofrutta’ per cui Coldiretti Puglia ha chiamato all’azione i giovani imprenditori agricoli che stanno vivendo da mesi una perdurante crisi di mercato. 

In occasione della seduta del Consiglio regionale saranno regalati a consiglieri regionali, assessori, ai Presidenti di Consiglio e Giunta regionale gli ortaggi di stagione che spesso restano invenduti tanto da dover essere interrati. 

Le mani dell’Europa nel piatto dell’agricoltura italiana

Si estende la mobilitazione degli agricoltori dalle arance al pomodoro, dal grano all’olio

logo ColdirettiCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Si estende la mobilitazione degli agricoltori, dalle arance al pomodoro, dal grano all’olio fino al latte con migliaia di agricoltori che con i loro trattori si sono dati appuntamento mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 9,30, in via Prezzolini dentro e fuori al TeatroTeam a Bari, nella regione dove si produce la maggior quantità degli ingredienti base del piatto preferito dagli italiani, la pasta con olio e pomodoro. 

Sarà uno spin off del Politecnico di Bari a portare a galla frodi e sofisticazioni oleare.

Sbarchi record di olio tunisino dopo il via libera dell’ UE

logo ColdirettiCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – Uno strumento utile ed innovativo è a disposizione delle forze dell’ordine. Trattasi di uno ‘spin off’ del Politecnico del capoluogo pugliese, che al pari della risonanza magnetica nucleare e della Tac dell’olio contribuirà a portare a galla frodi e sofisticazioni. Grande preoccupazione per il via libera della Commissione Europea all’aumento del contingente di importazione agevolato di olio d’oliva dal paese africano verso l’Unione europea fino al 2017, aggiungendo ben 35 mila tonnellate all’anno alle attuali circa 57 mila tonnellate senza dazio già previsti dall’accordo di associazione Ue -Tunisia. 

Arriva il primo vino per vegani e vegetariani: il Vegamaro

Il vino è 100% made in Salento. Presentato al ProWein di Dusseldorf

VegamaroCronaca/di Coldiretti Puglia

Bari – Al ProWein di Düsseldorf presentata la prima bottiglia di Vegamaro, il primo Negroamaro in purezza al mondo per vegani e vegetariani, in cui non v’è traccia di sostanze di origine animale durante tutte le fasi del processo produttivo (dalla vinificazione al finissaggio, dall’affinamento all’imbottigliamento), come per esempio l’albumina d’uovo o la caseina. Grande attenzione anche all’ambiente. Tante le cantine pugliesi che utilizzano il ‘tappo bio’, la chiusura innovativa “carbon neutral”, riciclabile al 100% e realizzata con materiali rinnovabili d’origine vegetale. 

Coldiretti Puglia: faremo le staffette al porto di Monopoli per controllare la destinazione dell’olio tunisino

Mobilitazione degli olivicoltori pugliesi

OlioCronaca/ di Coldiretti Puglia

“Faremo le staffette dal porto di Monopoli dove arrivano le navi cisterna per ‘scoprire’ dove va a finire l’olio importato. Nessuno si lamenti, poi, perché svolgiamo di nuovo il ruolo di sentinelle del ‘made in Italy’, in continuo contatto e collaborazione con gli organismi di controllo e chiediamo che vengano intensificati i controlli perché il settore olivicolo, divenuto merce di scambio, non può essere sottoposto ad un rischio così alto di frodi. Il via libera dell’Europarlamento per l’accesso temporaneo supplementare sul mercato europeo di olio d’oliva tunisino a dazio zero, oltre a non aiutare in alcun modo la Tunisia, si ripercuoterà negativamente sulla Puglia, primo produttore italiano di extravergine.

Cibo a Km 0

L’agroalimentare pugliese si incontra oggi a Bari grazie all’iniziativa di ” Campagna Amica Be2Be”

Km0Cronaca/ di Redazione

Bari – L’agroalimentare pugliese si dà appuntamento oggi a Bari, alle ore 10,00, all’Istituto Majorana per rafforzare una rete che porti il cibo a km 0 sulle tavole dei pugliesi in maniera capillare. L’iniziativa ‘Campagna Amica Be2Be’ farà incontrare la domanda di Botteghe Italiane, agriturismi e ristoranti di prodotti agroalimentari pugliesi con l’offerta delle migliori aziende agricole del territorio, di produzione e di trasformazione, attraverso appositi corner espositivi. Nel corso degli incontri Be2Be saranno offerte utili indicazioni circa l’etichettatura, le qualità organolettiche, il packaging e le degustazioni serviranno ad invogliare gli acquirenti.

L’appuntamento organizzato da Campagna Amica, tra l’altro, mira a far conoscere agli studenti del Majorana, futuri utilizzatori delle produzioni agroalimentari pugliesi, il meglio del cibo di Puglia.

“Il nostro obiettivo è quello di consentire la conoscenza diretta di produzioni locali – spiega il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – scarsamente pubblicizzate dalla comunicazione di massa, orientando il consumatore verso quei prodotti che hanno un grande valore in termini di qualità e origine territoriale. La Bottega Italiana è la rappresentazione esemplare delle potenzialità della prima catena di vendita diretta organizzata degli agricoltori italiani, un nuovo e moderno canale commerciale che si affianca alla grande e media distribuzione e ai negozi di prossimità e va ad integrare la rete già attiva delle Fattorie e dei Mercati di Campagna Amica”.

Si tratta di un vantaggio per i produttori, ma anche per i consumatori che in ogni Bottega possono acquistare l’intera gamma di prodotti della Filiera tutta Agricola e tutta Italiana, realizzati e trasformati direttamente dagli agricoltori.

“Il nostro obiettivo è ‘culturale’ e consiste nel contribuire a cambiare abitudini di consumo sbagliate – conclude il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – che si sono diffuse ovunque e formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea”.

 

 

Olio tunisino, stato di agitazione degli olivicoltori pugliesi

La Coldiretti Puglia proclama lo stato di agitazione

OlioCronaca/ di Coldiretti Puglia

Bari – “Il via libera anticipato a domani dell’Europarlamento per l’accesso temporaneo supplementare sul mercato europeo di olio d’oliva tunisino a dazio zero, oltre a non aiutare in alcun modo la Tunisia, si ripercuoterà negativamente sulla Puglia, primo produttore italiano di extravergine. Il mercato sarà inondato da 35mila tonnellate extra per il 2016 e altrettante nel 2017, oltre alle 56.700 attuali, che porta il totale degli arrivi “agevolati” annuale oltre quota 90mila tonnellate, praticamente tutto l’import in Italia dal Paese africano. L’importazione riguarderebbe, tra l’altro, tutti i tipi di olio di oliva tunisino per cui non devono essere rispettati i requisiti ambientali e fitosanitari rigidi cui i prodotti europei devono attenersi, immettendo sul mercato italiano prodotto di discutibile qualità e sicurezza alimentare, oltre a creare una evidente quanto sleale e concorrenza”.