Category Archives: Lettere

Galatina/ “biglietti da visita” che fanno vergognare

Piazzale Stazione e Piazza Alighieri: incuria e degrado.

Lettere/ di Amedeo Venturiero

Galatina – La nostra città non merita un così “brutto biglietto da visita”.

Chi arriva in città col treno uscendo dalla stazione può ammirare il Monumento al Marinaio del tutto vandalizzato, la pavimentazione della villetta che versa in uno stato pietoso e può inoltre ammirare le aiuole sempre verdi ma, sol perché il verde che si vede non è erbetta ma MOQUETTE.

Da noi, a Galatina, per la manutenzione non usiamo il taglia erba ma la folletto.

Proseguendo, il turista arriva in Piazza Alighieri, quella che noi chiamiamo la Villa grande. Lì la situazione cambia radicalmente ma in peggio.

Le immagini che ho inviato a corredo della mia lettera parlano da sole. Neanche la più abbandonata delle periferie potrà mai arrivare allo schifo di quel posto in centro città.

Il nostro è un progetto paesaggistico al quale hanno lavorato tutti gli organi istituzionali della nostra città.

Le foto allegate riguardano Piazza Alighieri e Piazza Stazione; è un bene che non si son fatte vedere durante le riprese RAI altrimenti, che bella promozione.

Galatina regredisce e diventa sempre più brutta e insicura, “NON LO MERITA”.

Galatina/ “Cari commercianti siete persone intelligenti e sicuramente saprete che in democrazia contano i numeri”

“Negli ultimi 25 anni i residenti hanno investito sul patrimonio immobiliare oltre 200 milioni di euro e senza alcun contributo pubblico”. 

Lettere/ di Dante De Ronzi, Alessio Filieri ed un gruppo di residenti ed esercenti commerciali del centro antico 

Galatina – Confessiamo che siamo stati a lungo indecisi se rispondere o meno alla lettera del comitato  pubblicata online sui network locali il 10/11/2018.

Falce e Marcello

Da Rauti a Minerva…le quaglie volano sempre.

Lettere/ di Roby T. 

Galatina – Le posso chiedere come un’amministrazione, che ha al suo interno ragazzi che osannavano Pino Rauti, che intitolavano la sede giovanile a Paolo Di Nella, che si proclamano persone di destra, può votare insieme alla sinistra un candidato della sinistra?!? Mi sembra di rivedere la vecchia democrazia cristiana, pronta a tutto pur di governare.

Leonardo Donno: Sciacalli della politica , tacete.

Lettere/di Leonardo Donno, portavoce alla Camera dei deputati del M5s

Ho preferito prendermi qualche giorno di tempo per riflettere, per ragionare a mente fredda o quasi. Adesso è il momento di chiarire un po’ di cose: lo devo a me stesso, ai salentini, ai nostri elettori, e anche agli “Sciacalli del TAP” , a quelli che ci hanno legato

Perchè non rendere via P. Mafalda usufruibile quando Piazza F. Cesari è chiusa al traffico?

Sarebbe sufficiente in quelle occasioni una deroga al senso unico.

Lettere/ di Amedeo Venturiero

Galatina – Vorrei suggerire a chi dell’attuale amministrazione ha la delega alla viabilità e Polizia Municipale che sarebbe il caso di porre una maggiore attenzione e regolarizzare con una segnaletica adeguata le strade confinanti con Piazza F. Cesari, quando questa non è percorribile causa manifestazioni.

Depositi a cielo aperto nelle strade del centro antico

Si sottolineano le bellezze artistiche della città e poi le si lasciano deturpare.

Lettere/di Carlo Congedo

(Nota redazionale: assecondando la richiesta pervenuta in Redazione, e per una volta soltanto, informiamo che il firmatario della lettera non è l’avv. Carlo Congedo. Trattasi di omonimia).

Se il Comune è moroso il concessionario non può intestarsi il contatore dell’utenza?

Un’ipotesi suggestiva sulla mancata intestazione delle utenze da parte dei gestori di strutture di proprietà comunale.

Lettere/di Amedeo Venturiero

Galatina – Vorrei permettermi di esporre la mia opinione/tesi in merito alle mancate volturazioni dei contatori degli immobili e delle strutture del Comune di Galatina date in utilizzo a terzi.

Galatina: piazze piene…teste vuote.

Sui giovani qualcuno pensa di essere sulla buona strada ma è Andato Oltre, talmente oltre che è finito addirittura fuori strada impantanandosi.

Lettere/di Maristella Romano

Direttore,

purtroppo le cose o si fanno bene o non si fanno. E se si decide di farle bene, vanno poi seguite nel tempo. Altrimenti i comunicati stampa ed i selfie finiscono per rappresentare una pericolosa prova di inadeguatezza.

Una Consulta dei Giovani che nata male ha proseguito peggio.

Era proprio il caso di mettere alla sua presidenza un soggetto facente parte del direttivo di un partito al governo della città?

Lettere/di Lodovica M.

Che la consulta dei giovani non avesse dovuto mai funzionare si era visto già da subito con la proroga delle adesioni. La cosa  ha voluto significare che i giovani non credevano in questa amministrazione (caso contrario avrebbero partecipato in tanti).

Le “palle” di Garrisi

Scoperte alcune basi senza le “palle”.   

Jpeg

Jpeg

Lettere/di Amedeo Venturiero

Galatina – Da un bel po’ di anni le persone adulte, quelle che hanno vissuto tempi migliori in una Galatina migliore, sogliono affermare, con un eufemismo, che un tempo a Galatina ci stava “gente con le palle”. E’ un paragone generazionale, se vogliamo irriverente, ma vuol intendere che oggi la città è solo una parvenza di quella che fu  “l’ombelico del salento” proprio per via degli attributi che oggi mancherebbero all’attuale generazione.

La “Lapide”, la “Cultura” e la “Casa del Turista”

Lettere/ di Carlo Congedo

Carissimo Direttore,

sono incappato in questi giorni nei pressi di via Umberto I ed alzando gli occhi ho notato la lapide che commemora “i Caduti del Cristo Risorto”. È l’ennesimo schiaffo alla cultura. I suddetti epitaffi commemorativi, non sono lapidi come descritta il giorno dell’inaugurazione e tutto lo scritto DEVE essere in stampato maiuscolo senza l’uso di punteggiatura. Questo è il primo punto.

Andando avanti, alcuni amici cari, in queste giornate d’estate sono passati a trovarmi. Nell’attesa d’incontrarci sono entrati nell’Info Point di Galatina attratti dall’allestimento ma alle loro richieste, le risposte sono state scarse e poco esaurienti con mancanza di professionalità. Oltre la mappa del Centro Antico, descrivendolo come Centro Storico, hanno imbrattato il tutto segnando uno pseudo percorso: Info Point, Basilica e Cappella delle Tarantate. Accennando qualche storiella non veritiera. Raccontandomi la vicenda ci siamo fatti quattro risate ed un bicchiere di vino in piazza San Pietro. La domanda che vorrei porle, carissimo Direttore, è questa: chi gestisce la struttura? Sempre gli stessi o hanno provveduto a fare un bando? Andremo nuovamente in proroga?

Un’altra proroga, sarebbe l’ennesimo scempio di tutte le regole.

Un cordiale saluto.

Carlo Congedo

************************************************************************************************

Egr. sig. Congedo,

Ebbene si, sono sempre gli stessi a gestire l’Info Point di Galatina ovverosia la “Casa del Turista”. Trattasi dell’associazione “Città Nostra” che come ben sa, senza alcuna gara 

L’Amministrazione non ama il “made in Galatina”

Perchè la palestra di via Montinari è stata concessa in gestione ad una Società non di Galatina?

Carissimo direttore,

ho letto su un gruppo Facebook di Galatina che una palestra comunale, quella di via Montinari, è stata data in gestione ad un associazione non di Galatina. Se la la notizie è vera: “siamo di fronte all’ennesimo caso di “esterofilia” di questa amministrazione o chi ha scritto il post ha preso un abbaglio?”

Convinto che non trattasi di alcun abbaglio mi piacerebbe sapere dal Sindaco e dall’Assessore allo Sport i motivi di questa “esterofilia” di cui è malata la nostra Amministrazione. Se lei è a conoscenza delle cose può gentilmente fare un articolo, siamo davvero stufi di questa amministrazione che pensa poco ai galatinesi.

Un saluto. Luca.

************************************************************************************************

Sig. Luca,

sulla questione impianti sportivi comunali e gestioni degli stessi concesse in allegria senza alcun bando di gara e poi prorogate con gli stessi criteri delle concessioni credo che su queste pagine se ne sia scritto tanto.

Basterebbe che lei sul sito alla voce “search” scrivesse  la dicitura “impianti sportivi comunali” e le verrebbe fuori una bella sfilza di articoli.

Nello specifico, però, penso che a lei interessi il palestrone di via Montinari e devo dirle che ha perfettamente ragione nell’affermare che sia stato concesso in gestione ad una Società non galatinese.

Trattasi della  ASD Doria Gym che ha la sua sede sociale ed operativa in Taviano. L’immobile gli è stato concesso in gestione con Delibera di G.C. n. 89 del 27 marzo sino al 31 agosto 2018 per la somma di 1.460 euro e con l’obbligo di volturare tutte le utenze a suo nome.

L’Amministrazione comunale con la concessione di questa gestione ha commesso due infrazioni. La prima al regolamento comunale che prevede la concessione in gestione degli impianti sportivi comunali per un periodo non inferiore ad 1 anno. La seconda è (sempre da regolamento) che gli impianti sportivi possono essere concessi in gestione a Società sportive regolarmente iscritte nell’albo comunale delle Società il quale (essendo per l’appunto comunale) non può registrare Società operanti ed ubicate in Comuni diversi. Ergo la Doria Gym non può e non è registrata nell’albo comunale delle Società.

Pochi giorni fa sempre con delibera di G.C. la n. 231 del 28 agosto sono state prorogate tutte le concessioni provvisorie, agli stessi patti e condizioni della originaria concessione, a tutte le Società che gestiscono gli impianti sportivi compresa la ASD Doria Gym “per il periodo strettamente indispensabile all’individuazione dei nuovi gestori degli impianti”. 

Leggasi in quell’ultima postilla “sino al regolare espletamento di una gara” che credo significhi più o meno “campa bicicletta mia“. https://www.ilsedile.it/unamministrazione-amante-delle-proroghe/#more-28934

Se poi le serve ancora un altro link per approfondire le segnalo :  https://www.ilsedile.it/sulle-concessioni-gestione-degli-impianti-sportivi-comunali-la-giunta-continua-violare-il-regolamento/#more-26823 

Cordiali saluti.

 

 

 

 

Sono una futura mamma indignata. Dove sono i controlli?

Dove sono finiti i parcheggi rosa? Assessore e Commissione Pari Opportunità fatte le nomine tutti a riposo?

Lettere/ di Rosy M.

Carissimo direttore,

vorrei approfittare del suo spazio per raccontare a lei e ai cittadini la mia disavventura di futura mamma ed il totale menefreghismo dell’Amministrazione verso alcune particolari categorie di cittadini.

La Guida Turistica? “Un orrore di scritto e di informazioni”.

La cultura persa tra braccialetti, cappellini, pomate…e castronerie storico-culturali.

Lettere/di Carlo Congedo

Caro Direttore,

dei cari amici, ospiti miei e di quella che definiscono “Città d’Arte”, hanno reperito tra le varie informazioni cittadine un libretto “Guida Turistica-percorsi di storia, cultura e cucina”.

Velostazioni: altra occasione di finanziamento mancata.

Ancora una volta Galatina assente, come rileva il nostro lettore.

Lettere/ di Dino S.

Galatina – Altra occasione persa ed ennesima figuraccia per l’Amministrazione Amante, che perde un’altra possibilità di finanziamento offerta dalla Regione Puglia. 

S. Caterina Novella: “Sindaco Amante, lei offende senza sapere. Controlli la qualità delle Sue fonti”.

“Una interlocuzione diretta con operatori, medici e infermieri, che non hanno mai avuto il privilegio di conoscerla, sarebbe stata utile, prima di denigrare”

Lettere/di dott. Stefano Tessore

Gent. mo Sindaco,

in occasione del recente Consiglio Comunale monotematico tenuto in Municipio sulla riorganizzazione dell’Ospedale Santa Caterina Novella, al quale ho assistito in veste di comune cittadino e di operatore sanitario dello stesso nosocomio, mi viene riferito e confermato dai presenti che in conclusione dell’assemblea, Lei avrebbe affermato che le lagnanze dei cittadini galatinesi per le chiusure di alcune Unità Operative non sarebbero troppo motivate in ragione della scarsa qualità delle stesse unità operative.
Mi duole non essere stato più presente per pochi minuti alla conclusione della discussione, e mi duole anche che il contradditorio con il pubblico non fosse stato previsto, altrimenti avrei avuto la possibilità di farle presente alcune osservazioni.

Partecipare ai bandi di finanziamento “è rendere un servizio ai cittadini non farsi pubblicità”. (S. Mattarella)

Vantarsi dei pochi successi e tacere sugli insuccessi è logica di regime.

Lettere/ di Antomio M.

Galatina – Perchè direttore la nostra amministrazione è sempre pronta a raccontarci come successi quella che dovrebbe essere la normale amministrazione, riempiendo le pagine dei giornali online e dei social di articoli e comunicati stampa autoreferenziali? Poi però ci tengono nascosti gli insuccessi come le mancate partecipazione ai bandi.

Ing. Quida: “signor De Giorgi rilegga l’articolo e si sforzi di coglierne il senso”

“Aprire un dibattito sul tema era l’obiettivo mio e dell’ing. La Grua: rendersi utili, far sapere, dare risposte ai cittadini ed, in specie, agli amministratori, condominiali”.

Lettere/di ing. Giuseppe Quida

Gentile Direttore,

leggo sul sito del suo giornale online una lettera del signor De Giorgi a commento di un articolo scritto a quattro mani da me e dall’ing. La Grua. La lettera è piena di acredine nei miei confronti solo per il fatto che nel nostro articolo è stato rappresentato lo stato della normativa oggi vigente in materia di sicurezza nelle autorimesse.

Ing. Quida ma il suo condominio è a norma?

 

Le prescrizioni del D.M.I. del 1 febbraio 1986 aprono un dibattito sullo stato dei fabbricati condominiali, a Galatina. 

Lettere/ di Fernando De Giorgi

Galatina – Ieri, lunedì 16 luglio alle ore 20, si è tenuta la nostra assemblea condominiale per questionare di alcune prestazioni da concretizzare sul prospetto. Al termine del dibattito, il nostro amministratore ci ha erudito che, a seguito dell’articolo dell’Ing. Quida, è venuto a conoscenza di codesta legge e che anche noi dobbiamo uguagliare il

Decoro urbano, questo sconosciuto.

 

Lettere/ di Carlo Congedo

Direttore,

volevo complimentarmi con Lei per i diversi articoli che ha inserito sul suo giornale, sempre attenti e scrupolosi sulle questioni cittadine.

Le faccio notare come persiste una mancanza del decoro urbano a termine di eventi di ogni genere. Piazza San Pietro, biglietto da visita della città, è continuamente presa d’assalto da transenne che vengono depositate sulla facciata della Chiesa. Chi di competenza è presente? Possiamo considerarli eventi che portano beneficio alla città?