Solo 24.000 euro per i lavori di manutenzione straordinaria delle strade di Galatina e frazioni.

Pochini veramente pochini. Come e dove sono spesi i proventi da contravvenzioni al codice della strada?

Bucabuca1Cronaca/ di Redazione

Galatina – Le strade dell’abitato di Galatina e frazioni sono oggetto di continue bestemmie e segnalazioni da parte dei cittadini per la presenza presenza di buche e avvallamenti per il loro evidente stato di usura e di sconnessione del basolato. Sinceramente non se ne può proprio più di quella leccatina di catrame che alla prima pioggia, ma anche ancor prima, ritornano allo stato originario anzi peggio di prima mettendo in serio pericolo autoveicolo e conducente.

Qualcosa finalmente sembra si abbia intenzione di fare in tal senso anche se trattasi rugiada e non di vera pioggia. Con la delibera 547 del 19 aprile il Funzionario Delegato della Direzione Territorio e Qualità Urbana, ha incaricato il geom. Saverio Toma di accertare la possibilità di avviare una procedura telematica di richiesta d’offerta attraverso il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione finalizzata all’individuazione di un soggetto preposto all’esecuzione degli interventi di straordinaria manutenzione in pavimentazioni stradali in basolato e bitume nonchè di approntare tutti gli atti tecnici idonei ad avviare la suddetta procedura.

La scelta del vincitore della gara avverrà con il criterio di aggiudicazione del “minor prezzo” mediante ribasso sul prezzo posto a base di gara che è stato fissato in 21.166,23 euro e per un importo complessivo di 24.000,00 Iva inclusa.

Resta dunque da attendere l’esito della gara e poi sarà dato il via ai lavori anche se, sarebbe cosa interessante rendere pubbliche già al momento della determina di avvio della procedura di gara quali strade siano oggetto di detti lavori. Purtroppo la determina non fa cenno alcuno se non di un generico riferimento al dissesto stradale e di continue segnalazioni da parte dei cittadini.

Vero è che con soli 24.000 euro a disposizione di Galatina e frazioni non si potrà certamente lastricare la strada per il paradiso, ma tal proposito arriverà mai il giorno che si potrà dare al cittadino un quadro completo ed analitico di come sono stati investiti i proventi annuali delle contravvenzioni? Magari al prossimo S. Sebastiano l’assessore Mauro ci stupirà.