Sono già costati 44.378 euro con scarsi risultati.

“Un importo eccessivo per quanto raggiunto in questi primi mesi e la  preparazione tecnico-amministrativa di alcuni componenti della Giunta Comunale”.

La PupaLettere/ di Luigi Vitis

Direttore,

siamo già a quota € 44.378,15: se non ho fatto male i calcoli, è questo l’importo che questa città sta pagando a questa amministrazione da agosto a dicembre di quest’anno. Un importo eccessivo, spropositato, se si pensa ai risultati raggiunti in questi primi mesi e al livello di preparazione tecnica ed amministrativa di alcuni componenti la giunta comunale.

Il solo sindaco ha percepito poco più di € 13.000 (salvo errori di calcolo). Per poi chiedere ai lavoratori e alle aziende galatinesi, che fanno sacrifici enormi per poter campare, uno sponsor per le manifestazioni natalizie. Ma ci prendono per ….? Non ci sono soldi per i cittadini, non ci sono soldi per sistemare la Pupa, non ci sono soldi per il natale, non ci sono soldi per i giovani, non ci sono soldi per nulla, ma i soldi per pagare la parte politica ed i carrozzoni politici (leggasi teatro) quelli sì, si trovano sempre. A fronte di queste spese, i cittadini non vedono e non riconoscono il cambiamento di rotta tanto raccontato in campagna elettorale, con i soliti ritardi degli uffici comunali nella trasmissione dei documenti ai consiglieri di minoranza, i soliti ritardi nello scrivere determine, nel dare risposte ai cittadini e nel completare la documentazione necessaria per non perdere i finanziamenti ottenuti. A questo punto mi chiedo se effettivamente il carico di lavoro degli uffici è elevato o se invece è bassa la produttività del personale. Perché non spostare alcuni dipendenti da un ufficio ad altri? In ogni caso, cosa sta facendo la maggioranza per porre rimedio a questa elefantiade gestione degli uffici comunali? Infine due parole sulla polemica che imperversa su diversi gruppi su facebook, circa l’isola ecologica ed il personale impiegato. Qualche sostenitore dell’attuale amministrazione ha scritto: “se fossero andati i vecchi avrebbero fatto la stessa cosa, per cui dov’è il problema?” Rispondo io a questi geni che pensano di fare politica: il problema è proprio questo, che la gente di Galatina ha votato il sindaco proprio perché sperava in quel cambiamento che in pratica non è avvenuto, comportandosi esattamente come la più vecchia politica. La città sperava nella meritocrazia, nell’uguaglianza dei cittadini, nella gestione coraggiosa. Nulla di tutto ciò. E la cosa grave è che a farlo sono giovani, che ahimè ragionano come i vecchi politici che hanno ridotto Galatina a come la vediamo noi ora. Inoltre danno un brutto messaggio ai giovani galatinesi, facendo capire con scelte che non hanno alcuna logica se non quella poltica e di basso profilo, che per andare avanti non serve meritocrazia, preparazione e trasparenza ma solo una tessera di partito. Basti vedere le nomine in giunta, con assessori con meno competenze di tirocinanti preparati e con mille titoli ed esperienze ma che guadagnano molto di più di giovani talentuosi. Scusate lo sfogo, ma vedere Galatina governata in questo modo superficiale mi fa rabbia. Galatina non si merita tutto questo, Galatina si merita il meglio del meglio, ma purtroppo si sta ANDANDO OTRE (e otre viene usato come simbolo di vanità o come persona piena di vento, cioè vuota). Cioè il vuoto che c’è in questa gestione. La peggiore di sempre. Luigi.