Day: January 10, 2019

Irregolare l’erogazione del contributo comunale alla festa patronale di Galatina

Era dovuto alla Parrocchia SS. Pietro e Paolo ed è stato liquidato al Comitato Festa patronale.

Cronaca/ di Redazione

Galatina – Come ebbe a dire Ginetto Bartali “è tutto sbagliato, è tutto da rifare”. Stiamo parlando del contributo economico di 13.000 euro che la Giunta Comunale ebbe a deliberare il 7 Giugno del 2018 quale propria partecipazione alle spese organizzative per la celebrazione delle festività in onore dei Santi patroni della Città.

Read More

Donno:”Pronto l’emendamento blocca trivelle”

Cronaca/Politica/ di Comunicato Stampa

«Pronto l’emendamento ‘blocca trivelle’ che sarà presentato nel Decreto Semplificazione e che impedirà il rilascio di circa 36 titoli attualmente pendenti compresi i tre permessi rilasciati nel mar Ionio».

Read More

“L’Urlo”, Appuntamento teatrale a Levèra firmato ALIBI.

Eventi/ di Circolo Arci Levèra

Galatina – Il 13 gennaio alle ore 20.30 si tratteranno i temi della marginalità, la ricerca di un senso, le problematiche sociali.

“L’urlo”, è una cantata di getto, nata dalla rilettura di alcune delle più incisive pagine della letteratura, non solo teatrale, degli ultimi decenni in un periodo in cui la vita umana sembra smarrire centralità rispetto alla provenienza geografica e sociale, ai percorsi che compie, ai pericoli che comporterebbe l’incontro con l’altro.

In scena Gustavo D’Aversa è l’Altro, proprio questo Altro da cui dovremmo costantemente guardarci. Un monologo tutto d’un fiato che ferma lo spettatore, aggancia il discorso con una scusa qualsiasi e lo trascina nell’esperienza, ormai così rara, di un incontro in carne ed ossa con uno sconosciuto.

Scandite in una lingua che non appartiene a nessuno, una lingua anch’essa semplicemente altra, affiorano le istanze di un’umanità che non conosce differenze e che reclama, in tutti, una stanza in cui passare la notte, una mano che si tenda ad accendere la sigaretta, qualcuno con cui parlare, che non scappi, o con cui semplicemente fermarsi a riprendere fiato.

“L’urlo” è un discorso che cerca di articolarsi ma continuamente inciampa tra ricordi del passato e progetti per il futuro, che cerca di farsi universale ma resta sempre ancorato alla persona che parla, alla sua inesorabile unicità e, proprio per questo, alla sua assoluta umanità, che per essere tale chiede solo di essere ascoltata e riconosciuta da chi le sta di fronte.

È l’uomo senza nome e senza un ruolo che parla in questo spettacolo, per tutto il tempo di una pioggia torrenziale, la pioggia incombente dell’ostilità che allaga le nostre città: una situazione da cui cercare riparo, in cui bisogna abbassare le difese, chiedere aiuto e fidarsi.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén