Eventi/di Redazione

Galatina – La splendida cornice offerta dal Chiostro dell’ex Convento delle Clarisse ha stregato anche il duo artistico Pietro D’Oronzo e Francesco Monopoli l’hanno definita “meravigliosa” e poi hanno aggiunto: “Complimenti al maestro Fracasso per la scelta e per l’organizzazione”.

La serata è iniziata con i saluti del rappresentante delle istituzioni Davide Miceli e poi è toccato al padrone artistico di casa: “Pensavo almeno stasera di non dover parlare – ha detto Luigi Fracasso – ed invece mi tocca”. Ha salutato il pubblico presente, lo ha ringraziato e dopo aver illustrato i prossimi appuntamenti del Festival dei “Concerti del Chiostro ha lasciato spazio alla regina dello spettacolo: la musica.

Il testimone è quindi passato nelle mani di Pietro Doronzo, al flauto, e Francesco Monopoli, al pianoforte, e sin dalle prime note con esse siamo saliti sulla macchina del tempo, abbiamo compiuto un viaggio a ritroso nel tempo percorrendo terre e continenti diversi tra loro per cultura e tradizioni ma uniti dal linguaggio universale della musica nell’occasione rivista ed adattata dai due artisti.

Ci siamo lasciati trasportare dall’Italia alla Francia, dalla Svizzera ai Balcani per giungere nelle due Americhe patria del del jazz e del tango. Momenti di intensa emozione e liricità che si sono alternati a momenti spumeggianti in cui il virtuosismo ed il ritmo coinvolgente sono stati i protagonisti.