Category Archives: Rubriche

Galatina/ I residenti del Centro Antico dimenticati e bistrattati dalla carta stampata.

I residenti, vero cuore pulsante della città, sconcertati da una lotta senza fine scatenata da un esiguo gruppo di esercenti.

Rubriche/Opinioni/ di “Un gruppo di cittadini, residenti ed esercenti”.

Galatina – Nel mentre infuria e imperversa  la polemica sullo chiusura al traffico del centro storico c’è una categoria di cittadini che è sempre rimasta fuori dalla mischia.

Sono i residenti, quelli che ci abitano, che ci vivono, spesso proprietari degli immobili.

I Contabilisti

Io mi sentivo protetta dalla loro dimestichezza con i numerini, quasi li invidiavo, poi arriva la Corte dei Conti e… 

Rubriche/Opinioni/di Veronica Romano

Galatina – Corte dei Conti: “ …. i dati trasmessi evidenziano un rilevante scostamento tra previsioni e accertamenti, sintomo evidente della scarsa capacità di programmazione”.

Il voto ed il vuoto

Le vittorie costruite sulle menzogne

Rubriche/Opinioni/ di Piero D’Errico

Come si sente un rappresentante del “cambiamento” nel prendere deliberatamente per il culo una comunità che sulla battaglia TAP ci ha messo cuore ed entusiasmo, una comunità che ha creduto in un progetto che la comprendeva e che andava sotto il nome di “cambiamento”?

I Troppo furbi

Rubriche/Opinioni/di Gino Veneziano Art.1 LeU

L’intervento del Vescovo Filippo Santoro sulla TAP con poche parole ha squarciato il velo di ipocrisia che la Ministra Lezzi e tutti gli eletti Salentini dei 5 stelle cercano di coprire la loro totale furbizia ed incompetenza.

Tap c’è.

Troppe parole su TAP, troppe parole a vanvera, troppa disinformazione.

Rubriche/Opinioni/di Piero D’Errico

Galatina – Difendo il Governo da un’ EUROPA troppo invadente e prepotente, condivido non pochi provvedimenti contenuti nel DEF proposti e dal MOVIMENTO e dalle LEGA. Molti altri no.

S. Antonio e il soldato

Quella cartolina del distretto militare, fu un colpo al cuore, travolse tutti i miei piani.

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Galatina – Avevo ricevuto la “cartolina” per il servizio militare da alcuni giorni e da alcuni giorni non avevo più pace.
Non era per il servizio militare, la lontananza o il tempo perso, era perché dovevo

La sconfitta contro il nulla il suo capolavoro, ma applaudo la sua strenua difesa dell’Ospedale”

“Lodevole ed apprezzabile la sua difesa dinanzi al Tar dell’Ospedale indipendentemente dal numero di firme raccolte”

Rubriche/Opinioni/di Veronica Romano

Galatina – Penso che la sua elezione a sindaco, non avrebbe cambiato molto, penso che la sua e della coalizione sconfitta, sia stata una delle cose più difficili e complicate da realizzare.
Che appunto la sconfitta contro il “nulla” sia stata un vero capolavoro.
Condivido però, totalmente, la sua iniziativa, la sua difesa dinanzi al TAR dell’ospedale, contro la sua quasi-chiusura.

La Città che non c’è più

Fa ridere lo pseudo-intellettuale, promosso per l’occasione a portavoce, che nel goffo  tentativo di difesa si arrampica su argomenti  sospesi nel nulla.

Rubriche/Opinioni/di Veronica Romano

EVVIVA, i CONCERTI DEL CHIOSTRO probabilmente non si terranno più a Galatina, si terranno a Soleto. In fondo si tratta di quattro passi in più e non sarà la fine del mondo. 

Il fruscio del cuore

“Ci sono cose che ti sembrano lontane, finite da secoli, dimenticate… invece no”

Rubriche/PensieriParole/ di Piero D’Errico

Cominciò così tra quei pezzi di marmellata di mele che lei adorava e che non ebbi mai il coraggio di dirle: “sono finiti”.
Mia madre per accontentarmi ne faceva una infinità. Li incartava in “carta oleata” per non farli incollare.

Il moccioso

Quel moccioso era ancora in volo per Stoccolma, e noi sentivamo già la sua assenza.

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Finalmente avrei potuto starmene in pace, non giocare più contro voglia a “carte” o a “racchettoni”. Ero felice.
Arrivava la sorella della mia compagna, col bambino per una quindicina di giorni.

Fiori di Campo

Spuntavano un mattino, tra gladioli e gerani, ma i fiori di campo erano sempre i più belli.

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

I primi temporali e le prime piogge annunciavano la fine dell’estate.
Intorno un profumo di terra bagnata, l’aria più fresca e le giornate più corte.
Per le strade un via vai di carretti carichi d’ uva appena raccolta.

Agricoltura in ripresa, ma prospettive incerte

Ecco le superfici e le produzioni agricole nelle province pugliesi e meridionali.

Rubriche/Ricerche&Studi/di Ufficio Stampa Confagricoltura Lecce

Lecce – L’agricoltura è in ripresa: aumentano le aziende, gli operai dipendenti e i lavoratori autonomi, in controtendenza con il trend registrato negli anni più bui. Dall’analisi del settore primario nel suo complesso, però, emerge un quadro in chiaroscuro, fatto di luci, ma anche di ombre.

Il bianco ed il nero.

Vorrei incontrarli tra tanti anni quando il loro figlio sarà seduto al banco insieme ad un bimbo bianco in una normalità ed una armonia perfetta.

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Indossano i vestiti più belli che hanno, per andare in Chiesa, si vestono bene perché vanno a trovare Dio, vanno a incontrare Dio.
I vestiti più belli come se andassero ad una festa.
E in fondo andare in Chiesa per loro è festa.

Il tempo di mezzo

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Mi sarebbe piaciuto restare lì, in quel posto di mare tipicamente estivo, dove in inverno ci abitano solo un paio di famiglie, mi sarebbe piaciuto vivere un’estate tra tanta gente in giro in ogni ora del giorno e della notte, parlare, passeggiare, incontrare amici in qualche parte, in quelle notti calde d’estate in cui ti piace star fuori sino a tardi seduto davanti a un mare illuminato dalla luna.

La Domenica che viene.

Tra un centro commerciale e l’altro in mezzo a tanta gente, confusione e musica

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Il fatto è che non riusciamo più a dare un senso alla domenica o a un giorno festivo, se non lo passiamo in giro di qua e di là per i grandi centri commerciali.
Non ci divertiamo più, abbiamo sempre voglia di guardare, di provare, chiedere taglie e misure, vedere offerte e collezioni.

Lo sguardo altrove

Ci siamo improvvisamente scoperti “razzisti

Rubriche/PensieriParole/di Piero D’Errico

Penso che alla fine l’umanità avrà sempre il sopravvento su altri sentimenti meno nobili.
Ciò non toglie comunque nulla al fatto che ci siamo improvvisamente scoperti

L’albero di fico fiorone

E poi restano i ricordi, tornano all’improvviso, ti prendono e ti tengono per ore.

Rubrica/PensieriParole/di Piero D’Errico

Galatina – In quei tempi, non c’era un solo pezzo di terra su cui non era piantato in qualche punto, un albero di fico.
Era così pure in campagna di mia nonna, circondata tutta da quegli alberi.
Ce n’erano di tutte le varietà e qualità, ma l’albero di fico fiorone restava il RE.

Letture sotto l’ombrellone: ultimi capitoli, “festa-epilogo”.

Tratto dal libro di Marino Giannuzzo “I Ragona”. 

Rubriche/PensieriParole/ di Marino Giannuzzo 

Ringraziamo l’autore per aver consentito alla pubblicazione del suo romanzo su queste pagine. 

Festa

Già due anni erano trascorsi da quando Gisella aveva iniziato ad insegnare nella provincia di Lecce. Le

Letture sotto l’ombrellone: Si riparte-Telegiornale

Tratto dal libro di Marino Giannuzzo “I Ragona”. 

Rubriche/PensieriParole/ di Marino Giannuzzo 

Ringraziamo l’autore per aver consentito alla pubblicazione del suo romanzo che troverete su queste pagine ogni domenica con un nuovo episodio. 

Si riparte

Letture sotto l’ombrellone: Il Curatore-Libertà

Tratto dal libro di Marino Giannuzzo “I Ragona”. 

Rubriche/PensieriParole/ di Marino Giannuzzo 

Ringraziamo l’autore per aver consentito alla pubblicazione del suo romanzo che troverete su queste pagine ogni domenica con un nuovo episodio.

Il Curatore

Quel pomeriggio di fine settembre, dopo l’ora d’aria in cortile, Francesco fu invitato da una guardia penitenziaria a presentarsi nella sala colloqui. C’era una persona che aveva avuto il permesso di parlare con lui. Non gli si diceva mai chi lo cercava. Era sempre una sorpresa.